BIBLIOGRAFIA

vaticano





AVVISO ai PELLEGRINI CHE DESIDERANO VISITARE LA TOMBA DI S.TOMMASO APOSTOLO in ORTONA

Per ragioni tecniche di ordine pratico e di sicurezza le Visite nella Basilica Cattedrale vanno effettuate soltanto durante la normale apertura della Basilica (e sospese durante le funzioni religiose).


Non si possono accettare e accogliere pellegrini al di fuori dell'orario normale stabilito.

E' molto importante a questo proposito telefonare e prenotare  per sapere gli orari più adatti e i tempi a propria disposizione.

 

richiesta pellegrinaggio

 



contatti

Visite agli articoli
1159389
Ogni anno la prima domenica di maggio, in Ortona si festeggia il Perdono, così chiamato dall’acquisto delle indulgenze a cui la festività di san Tommaso apostolo è connessa. Le indulgenze sono la remissione dinanzi a Dio della pena temporale meritata per i peccati commessi e già perdonati con il sacramento della Riconciliazione. I fedeli cristiani le acquistano a determinate condizioni per se stessi e per i defunti mediante il ministero della Chiesa, la quale, come dispensatrice della Redenzione, distribuisce il tesoro dei meriti di Cristo e dei Santi. Dal 1258 al 1479 la festa di san Tommaso apostolo cadeva il 6 settembre, giorno della traslazione, ma da quella data Sisto IV la spostò alla prima domenica di maggio per venire incontro alle esigenze dei pellegrini perché, nell’approssimarsi della stagione estiva, folle di pellegrini si recavano sulla tomba dell’Apostolo per pregare. Dal 1479 al 1949 si susseguirono con frequenza i documenti pontifici con la concessione delle indulgenze, documenti tutti conservati nella Biblioteca diocesana di Ortona. Dopo il Concilio Vaticano II la concessione delle indulgenze passò agli ordinari diocesani, cioè ai vescovi locali che continuarono sulla strada già percorsa dai pontefici. Per tali ragioni, l’arcivescovo di Lanciano- Ortona, la vigilia della prima domenica di maggio, concede l’indulgenza plenaria per i fedeli che si recano a pregare sulla Tomba dell’Apostolo e che sono in grazia di Dio. In quella circostanza viene esposto per tre giorni il Busto d’argento di san Tommaso alla venerazione dei fedeli. E’ un grande dono alla Chiesa intera, comunità di tutti i battezzati, e contemporaneamente una grande manifestazione di fede. La fede testimonia il cammino di tutto il popolo di Dio verso la salvezza e il senso di fratellanza universale. Infatti la tomba dell’Apostolo richiama i cristiani all’accrescimento della fede e i non cristiani alla ricerca della verità, partendo dal dubbio.

La Basilica Cattedrale San Tommaso Apostolo utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.