BIBLIOGRAFIA

vaticano





AVVISO ai PELLEGRINI CHE DESIDERANO VISITARE LA TOMBA DI S.TOMMASO APOSTOLO in ORTONA

Per ragioni tecniche di ordine pratico e di sicurezza le Visite nella Basilica Cattedrale vanno effettuate soltanto durante la normale apertura della Basilica (e sospese durante le funzioni religiose).


Non si possono accettare e accogliere pellegrini al di fuori dell'orario normale stabilito.

E' molto importante a questo proposito telefonare e prenotare  per sapere gli orari più adatti e i tempi a propria disposizione.

 

richiesta pellegrinaggio

 

Parrocchia di
S.Tommaso Apostolo
P.zza S. Tommaso, 1

66026 - ORTONA (CH)
+39 085 9062977
tutti i contatti...

Lettera ai Vescovi sul pane e vino per l'Eucaristia

Visite agli articoli
1003670

Bassorilievo altare principaleSan Tommaso è uno dei dodici apostoli di Gesù, probabilmente suo coetaneo. Esercitava il lavoro di pescatore sul lago di Genezareth. Nel Vangelo di Marco Gesù salì sul monte, chiamò quelli che voleva che andassero con lui e ne costituì dodici: Simone, al quale impose il nome di Pietro; poi Giacomo di Zebedeo e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanerghes, cioè figli del tuono; e Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda Iscariote, che poi lo tradì. ( Mc. 3,13-19) Il numero dodici era ricco di significati per il popolo ebraico.
Rappresentava le dodici tribù che pur nella diversità costituivano l’unità del popolo d’Israele. Gesù scelse i discepoli attraverso la chiamata e un incontro personale con loro e poi li chiamò apostoli. Ai chiamati Gesù affidò una missione specifica: mettersi in cammino, annunciare la Buona Novella, guarire gli infermi, donare gratuitamente, dal momento che gratuitamente avevano ricevuto il dono della fede e della vocazione. Tommaso si pone alla sequela di Gesù totalmente, con i suoi limiti e il suo entusiasmo. Spesso gli riusciva difficile capire i discorsi di Gesù.
Nei Vangeli sinottici Tommaso viene nominato insieme con Matteo, negli Atti sta accanto a Filippo. Tommaso e gli apostoli (vetrata Basilica)Il Vangelo di Giovanni parla di lui più degli altri, definendolo Didimo, cioè gemello. Esaminiamo le singole pagine evangeliche. Gesù, in una giornata molto particolare riceve il seguente messaggio dalle sorelle di Lazzaro: Signore, ecco colui che tu ami è malato. Gesù sapeva che quella malattia dell’amico sarebbe stato un mezzo per la glorificazione del Figlio di Dio. Per questo, dopo due giorni di sosta, disse ai discepoli: Andiamo di nuovo in Giudea. Ma i discepoli gli risposero che sarebbe stato molto rischioso ritornare in Giudea, dove proprio i Giudei avevano tentato di lapidarlo. Come sarebbe stato possibile tornarci di nuovo? Allora Gesù parlò della luce del giorno e delle tenebre della notte, del sonno di Lazzaro e della necessità di risvegliarlo. Ma gli apostoli non capirono. Gesù parlò più chiaro e disse che Lazzaro era morto, allora Tommaso, chiamato Didimo disse agli altri: “Andiamo anche noi a morire con lui” ( Gv. 11, 16) Tommaso in questo passo di Giovanni rivela una personalità determinata, disponibile a seguire Gesù sempre, fino a condividere con lui la stessa morte. Nell’Ultima Cena, mentre si avvicina il tempo della sua passione e morte, Gesù si rivolge ai discepoli e annuncia di andare a preparare un posto per loro, perché essi siano insieme con lui. Poi precisa: Del luogo dove io vado, voi conoscete la via. (Gv. 14,4) Tommaso, da uomo concreto, interviene dicendo: Signore, non sappiamo dove vai, e come possiamo conoscere la via? (Gv. 14,5) E Gesù risponde : Io sono la via, la verità e la vita.
La rivelazione di Gesù rivolta a Tommaso vale per gli uomini di tutti i tempi, perciò chiunque voglia intraprendere un cammino di fede potrà camminare al fianco di Tommaso e come lui accogliere la verità del Cristo morto e risorto per la salvezza della intera famiglia umana. Nel racconto della Passione di Gesù non si fa cenno a Tommaso, ma la sua sofferenza si capisce dagli avvenimenti successivi, che accadono dopo la Resurrezione. La sera di quel giorno, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: “Pace a voi” Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono nel vedere il Signore. Tommaso con Gesù (vetrata Basilica)Gesù disse loro di nuovo: Pace a voi! Come il padre ha mandato me, io mando voi. Detto questo, soffiò e disse loro: Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete non saranno perdonati. Quando i discepoli riferirono a Tommaso che avevano visto il Signore, lui stenta a crederci e afferma che se non lo vedrà con i suoi stessi occhi e non lo toccherà con le sue mani non crederà. (Gv. 20, 25) Otto giorni dopo la Pasqua, i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù a porte chiuse, stette in mezzo e disse: "Pace a voi". Poi disse a Tommaso: Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco e non essere incredulo, ma credente. Gli rispose Tommaso: Mio Signore e mio Dio! Gesù gli disse: Perché hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto. (Gv. 20, 26-29) Tommaso, partito da una condizione di incertezza e di dubbio giunge alla più bella espressione di fede. Sull’esempio di Tommaso, ogni uomo di buona volontà, partendo dal dubbio, può andare alla ricerca della fede in qualsiasi momento della vita e approdare all’incontro con Gesù Eucaristia inizio e compimento di ogni storia di salvezza personale.

Riportiamo tutti i passi del Nuovo Testamento nel quale risulta presente l’apostolo oppure viene riportato soltanto il suo nome: “Ma Tommaso, chiamato Didimo, uno dei Dodici, non era con loro, quando venne Gesù. Gli dissero, dunque, gli altri discepoli: -Abbiamo visto il Signore- Ma egli rispose: -Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò- Otto giorni dopo, i discepoli si trovavano di nuovo in casa, e Tommaso era con loro. Venne Gesù a porte chiuse, stette in mezzo a loro e disse: -La pace sia con voi- Poi, rivoltosi a Tommaso, disse: - Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani. Avvicina la tua mano e mettila nel mio costato, e non essere incredulo, ma credente.- Tommaso gli rispose: -Signore mio e Dio mio!- Gli disse Gesù: - Perché mi hai visto, o Tommaso, hai creduto; beati coloro che non hanno visto ed hanno creduto” (Giovanni, 20, 24-29) “I nomi dei dodici apostoli sono questi: il primo, Simone, detto Pietro, e Andrea suo fratello, Filippo e Bartolomeo; Tommaso e Matteo il pubblicano..” (Matteo,10, 2-3) “Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso..." (Scelta dei discepoli) Marco 3, 18 “Matteo e Tommaso …” (Scelta dei discepoli) Luca, 6, 15 “ Disse allora Tommaso, chiamato Didimo, agli altri discepoli: -Andiamo anche noi, per morire con Gesù” Giovanni, 11, 16 “Tommaso gli disse: - Signore, noi non sappiamo dove tu vai; come possiamo conoscere la via?"- Giovanni, 14, 5 “Erano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Didimo…(Apparizione di Gesù al lago di Tiberiade) Giovanni, 21, 2 “ Entrati che furono in città, salirono nella stanza superiore della casa ove solevano ritrovarsi. C’erano Pietro e Giovanni, Giacomo e Andrea, Filippo e Tommaso…” Atti, 1, 13

La Basilica Cattedrale San Tommaso Apostolo utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.