BIBLIOGRAFIA

vaticano

AVVISO ai PELLEGRINI CHE DESIDERANO VISITARE LA TOMBA DI S.TOMMASO APOSTOLO in ORTONA

Per ragioni tecniche di ordine pratico e di sicurezza le Visite nella Basilica Cattedrale vanno effettuate soltanto durante la normale apertura della Basilica (e sospese durante le funzioni religiose).


Non si possono accettare e accogliere pellegrini al di fuori dell'orario normale stabilito.

E' molto importante a questo proposito telefonare e prenotare  per sapere gli orari più adatti e i tempi a propria disposizione.

 

richiesta pellegrinaggio

 

contatti

Visite agli articoli
1477260

I° Anniversario Consacrazione Episcopale di Mons. Emidio CipolloneBasilica Cattedrale di San Tommaso apostolo
I° Anniversario Consacrazione Episcopale di Mons. Emidio Cipollone
e Festa dell'Anziano

Evento Mercoledì 21 dicembre 2011 ore 17.30
Sarà celebrata una Santa Messa, a conclusione della "Festa dell'Anziano", da S.E. Mons. Emidio Cipollone.

 

"Dicembre 2010 - un ricordo della Consacrazione Episcopale di Mons. Emidio Cipollone per l'Arcidiocesi di Lanciano-Ortona"

"Accoglienza nella Basilica Cattedrale di San Tommaso apostolo in Ortona il 21 dicembre 2010"

Eccellenza Reverendissima
Benvenuto tra noi nella sua seconda Cattedrale, la cattedrale di s. Tommaso apostolo che oggi l’accoglie con immensa gioia.
Abbiamo ancora negli occhi le immagini della sua consacrazione episcopale che ieri abbiamo celebrato nella cattedrale di Lanciano e nelle orecchie ci risuona l’eco del suo saluto.
"Amicus sponsi", amico dello sposo, così chiama il vescovo il santo pastore e dottore Agostino (Serm. 46,30). Le auguriamo, carissimo don Emidio, nostro Vescovo e Pastore, che tutta la sua vita e il suo ministero sia illuminato dalla testimonianza del vescovo di Ippona. Di lui «un po’ tutti nella chiesa ci sentiamo discepoli e figli» (Giovanni Paolo II).
L’immagine di “amico dello sposo” appartiene a Giovanni Battista, la cui «voce» potente risuona con forza nelle nostre assemblee nel tempo dell’ Avvento. Prima di essere «gettato in prigione» (Gv 3.24), «sul finire della sua missione» (At 13,25), il Precursore, nel racconto dell’evangelista Giovanni, pronuncia le sue ultime parole, che hanno quasi valore di testamento: «Voi stessi mi siete testimoni che io ho detto “non sono io il Cristo”, ma “sono stato mandato avanti a lui”» (Gv 3,28).
Nel clima intenso della santa liturgia di ieri e di oggi, risuonino le parole di commento di un antico scrittore sacro: «Ascolta lo sposo che parla d’amore con la sposa e all’udire la sua voce sii colmo di gioia. Rallegrati al vedere come lo sposo ama la sua sposa e come da lei è amato» (Teofilatto).
Ieri ci ha detto che come vescovo, è chiamato in modo singolare a partecipare al mistero nuziale del Cristo e della Chiesa. A lei è stata affidata la sposa di Cristo, la chiesa che è in Lanciano-Ortona, la chiesa che deve custodire e difendere, consegnandola pura e immacolata agli occhi dello Sposo.

E’ con questo spirito e con questo augurio che noi oggi l’accogliamo. “Benedetto colui che viene nel nome del Signore”
La nostra gioia è piena. La gioia che le auguriamo in un ministero episcopale lungo e fecondo in mezzo a noi perché anche la sua gioia sia piena.

Grazie al Signore per la sua presenza in mezzo a noi. Grazie di essere oggi tra noi a celebrare la sua prima Eucaristia sulla tomba dell’apostolo Tommaso di cui lei è successore. Grazie a nome di tutti i sacerdoti del Vicariato di Ortona e del Vicariato di Tollo. Grazie a nome di tutti i fedeli, popolo santo di Dio.

Concludo con queste parole: La accompagneremo, iniziando il cammino che la Provvidenza ci donerà di compiere insieme con l’invito ad accompagnarci con la preghiera vicendevole perché possiamo sentire sempre più che questa è la nostra famiglia spirituale che non abbiamo scelto noi, ma che ci è stata data e nella quale e per la quale il Signore ci chiama a vivere e a lavorare, e a condividere la nostra vita e la nostra esperienza con i fratelli che incontriamo sul nostro cammino.

Le auguriamo di vivere le Sante Feste di Natale nella grazia del Signore! Nella rinnovata contemplazione del Bambino di Betlemme abbiamo tutti a gustare la semplicità e la concretezza della presenza di Dio nelle nostre vite, nei momenti straordinari come in quelli quotidiani. Possa per noi essere il Natale la testimonianza che abbiamo incontrato nella vita l’Emmanuele, il Dio con noi, unica salvezza e speranza dell’uomo.
                                                                                                                 Il parroco Don Pino Grasso
                                                                                                                 Il vice parroco Koren P. Jose Joseph
                                                                                                                 Il diacono Galanti Tommaso


"Emidio Cipollone ordinato nuovo vescovo della Diocesi Lanciano-Ortona"


Don Emidio Cipollone, 50 anni, da questa sera è il 41mo vescovo della Diocesi Lanciano-Ortona. A ordinanrlo in una solenne cerimonia nella Basilica della Madonna, il suo predecessore, Carlo Ghidelli, in concelebrazione con Bruno Forte, arcivescovo metropolita di Chieti-Vasto, e Pietro Santoro, arcivescovo di Avezzano. La cerimonia è avvenuta in Cattedrale particolarmente gremita: 630 le presenze tra fedeli, 20 presuli di tutte le diocesi della Confederazione Episcopale Abruzzese e Molisana, e 280 presbiteri (60 della diocesi di Lanciano-Ortona). Fuori della Basilica, attraverso 4 maxischermi posizionati al teatro Fedele Fenaroli, in piazza Plebiscito nella chiesa di San Francesco, che ospita il Miracolo Eucaristico e da dove è partito il corteo che ha raggiunto la Basilica, e dalla chiesa del Purgatorio, altri fedeli hanno potuto seguire la cerimonia, ripresa in diretta su Trsp (in mondovisione), Telemax Lanciano, Antenna 2 e Telesirio di Avezzano.
All’ingresso in cattedrale, un applauso ha accolto il corteo. Molte le autorità presenti: dal Prefetto di Chieti, Greco, al Presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio E ancora, il senatore Fabrizio Di Stefano, i consiglieri regionali Antonio Menna e Emidio Nasuti, i sindaci di Lanciano e Ortona, Filippo Paolini e Nicola Fratino, i primi cittadini e amministratori provinciali e comunali di molte
altre località della diocesi. Folta la rappresentanza di fedeli provenienti dalla Marsica, in particolare da Cese di Avezzano, dove il nuovo vescovo frentano è nato.
La cerimonia di ordinazione, la terza che storicamente avviene nella Basilica di Lanciano, è stata particolarmente toccante. Accompagnata dai cori Cappella Musicale Madonna del Ponte e del Seminario di Chieti è stata seguita con grande partecipazione. “Vi consegno il vostro nuovo vescovo – ha detto Ghidelli prima del momento della ordinazione di Cipollone -. A lui ricordo che dovrà essere uomo della parola”. Come lo è stato Ghidelli negli anni in cui ha guidato la Diocesi Lanciano-Ortona. “Rivolgo il mio sguardo, l’ultimo, a coloro che mi hanno accompagnato nella mia missione pastorale – ha aggiunto”.
Poi i momenti più significativi della celebrazione, con Cipollone davanti a Ghidelli, Forte e Santoro, seguiti successivamente dagli vescovi, che a turno hanno posto le mani sul capo di don Emidio. La celebrazione è proseguita con i Vangeli che due diaconi hanno tenuto sopra il capo dell’eletto, con la formula del sacramento, l’unzione del capo con il sacro crisma, la consegna dei Vangeli, dell’anello, del mitra e infine del pastorale, con i quali di fatto Cipollone è entrato a far parte del Collegio Episcopale. Don Emidio ha quindi ricevuto l’abbraccio di tutti i vescovi, mentre si levava un forte e caloroso applauso che lo ha salutato quale nuovo pastore della Diocesi. Accompagnato da Ghidelli fino all’altare maggiore della Basilica, Cipollone ha presieduto l’Eucarestia.
Nominato l’11 ottobre scorso da Papa Benedetto XVI, il nuovo vescovo è stato ordinato sacerdote il 18 agosto 1984. Ha svolto vari incarichi: vicario parrocchiale di San Giovanni ad Avezzano dal 1984 al 1985; Cappellano ospedaliero a Pescina dal 1984 al 1985; parroco di Santa Maria Assunta a Lecce dei Marsi dal 1985 al 1989; parroco di San Giuseppe a Pescina dal 1989 al 2000. E’ inoltre Direttore Spirituale del Seminario Regionale di Chieti dal 2000, responsabile della Pastorale Familiare Regionale dal 2007, assistente spirituale dei Medici Cattolici di Avezzano dal 2008 e assistente spirituale delle “Maestre Pie e laici per il Vangelo” dal 2009. È stato anche vicedirettore dell’Ufficio catechistico diocesano, responsabile della Pastorale familiare, assistente spirituale dell’Unitalsi di Avezzano, vicario foraneo e insegnante di Religione nel liceo classico del capoluogo.
                                                                                                                                        AbruzzoQuotidiano.it


"Don Emidio Cipollone nuovo arcivescovo di Lanciano-Ortona"


... Mons. Emidio Cipollone, nel corso della prima conferenza stampa del suo mandato di arcivescovo della diocesi Lanciano-Ortona ...
... La persona sia al centro dei programmi politici di ogni schieramento. E' la richiesta che l'arcivescovo di Lanciano-Ortona rivolge alla politica locale ...
... "Vengano salvaguardati e rispettati i valori della famiglia, della liberta' religiosa e della vita ...
... noi collaboreremo con tutti tenendo conto della dottrina sociale della Chiesa" ...
... Poi un accenno alle priorita' del suo episcopato, "famiglia e giovani, senza dubbio - spiega Cipollone - alle prese con il problema serio della mancanza di lavoro, e' questa l'emergenza dalla quale dobbiamo partire" ...
... "voglio portare il mio saluto alle persone che soffrono e che vivono l'ormai prossima festa di Natale ai margini".
                                                                                                                                          abruzzo24ore.tv/..

 

La Basilica Cattedrale San Tommaso Apostolo utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.